Sabato 21 novembre: Camminare: istruzioni per l’uso” con Andrea Cappannari tra costa e colline

 

Un’esperienza nuova con una persona che proverà a dare delle risposte e degli aiuti a tanti quesiti che vengono fuori camminando.
"In questo trekking avremo anche la partecipazione di Andrea Cappannari, un operatore del benessere (www.ayurdhara.it), che ci darà degli utili consigli sulla postura, sulla respirazione e sulla biomeccanica del passo, in modo da goderci ancora di più la nostra passione. Alla fine proporrà anche una serie di stretching mirati al defatigamento muscolare. E' consigliato portare un tappetino"

 

Ritrovo alle ore 9.30 al parcheggio di Casale Marittimo tra via della Camminata est e via Veneto  presso la locanda le Volte https://goo.gl/maps/36DvF95uiwdVsxBV6

 

Note tecniche: Lunghezza 10 km; percorso facile su strade sterrate, adatto a tutti, anche a principianti.

 

Equipaggiamento: scarpe da trekking leggere o scarpe con suola scolpita, cappello, zaino con acqua e pranzo al sacco, un telo o un  tappetino;

 

Info e prenotazioni entro venerdì 20 novembre alle 12.00 per telefono o e-mail: Maria 3492303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it

 

Costo: € 20,00, gratuito bambini sotto i 10 anni.

 


Venerdì 20 novembre mattina: I boschi intorno alla Rocca Sillana

 

Al di sopra di tutto, solitaria e imponete incombe la rocca Sillana, fortezza medicea di rilievo in epoca rinascimentale, raggiunta la sua sommità il panorama è maestoso su gran parte della Toscana (non visiteremo internamente la rocca)ed  offre una potente chiave di lettura sul territorio e la sua evoluzione.

 

Sbirceremo alcune interessanti realtà architettoniche della zona come la Chiesa del Quercetello, l’ ex cappella di san Rocco, il podere Vivaio.

 

Note tecniche: Anello di una decina di chilometri con un dislivello di circa 400m su sentieri.

 

Indossare scarpe da trekking alte, portare uno snack e acqua; consigliati bastoni da trekking

 

Ritrovo: nel piazzale antistante la Rocca Sillana alle 9,00 oppure a Casino di Terra alle 8.15

 

Per info e prenotazioni entro giovedì 19 novembre alle 15.00 Maria 349 2303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it;  

 

Costo: 12 euro

 


Lunedì 16 novembre: Mini camminata nelle colline casalesi

 

Un percorso ad anello incantevole, tra panorami e scorci che sono vera poesia.

 

Da via delle Venelle andremo verso le “famose tane o grotte gialle” che creano un affascinante contesto per fantasticare sul passato e non solo; intorno boschi e corsi d’acqua lungo i quali cammineremo piacevolmente. Il ritorno alla campagna coltivata ed alle sue belle dimore, ci regalerà inaspettate viste mentre sprofondiamo e risaliamo dalle sue vallette circostanti.

 

Note tecniche: 8 km, con piccoli dislivelli per lo più su strade sterrate e sentieri.

 

Indossare scarpe da trekking, portare uno snack e acqua; consigliati bastoni da trekking

 

Ritrovo: all’inizio di via delle Venelle https://goo.gl/maps/ikZqphbsMWBEtw8G9

 

Per info e prenotazioni entro domenica 15 novembre alle 15.00 Maria 349 2303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it; 

 

Costo: 8 euro

 


Domenica 15 novembre: Candalla e i suoi opifici

 

Incastonata nelle Apuane, tra Camaiore e Casoli, si trova Candalla, lungo la valle del Rio Lombricese.

 

Un itinerario ricco di tutto: storia, archeologia industriale, natura bellissima ed emozionante, piccoli borghi e panorami.

 

Tutto il percorso è contornato da vegetazione lussureggiante e splendide piccole cascate.

 

Partiremo dalla suggestiva località al Ponte di Candalla e subito incontriamo tracce più o meno evidenti degli opifici numerosi che caratterizzavano la vallata del torrente Lombricese. Lungo una piacevole mulattiera arriviamo a Casoli. Devieremo dal percorso primcipale per andare a vedere i polverifici di Grotta Orbaia e ad alcune pozze e cascatelle di acqua chiara, la Cava seicentesca dello Schizzolino e la Grotta del Tambugione, le grotte preistoriche della Penna, il paese di Metato da dove raggiungeremo la fine del percorso.

 

Ritrovo: a Cecina Bar Dolce Vita alle 8.00 oppure davanti all’ ingresso dell’osteria Candalla alle 9.15, attenzione a dove parcheggiate lungo la strada

Note tecniche: Percorso di media difficoltà per il dislivello ed alcuni brevi tratti su terreno un po' sconnesso; 9,8 km, 750m di dislivello

Equipaggiamento: scarpe da trekking alte, acqua, pranzo al sacco, bastoncini telescopici e come dotazione autunnale, da ora in poi, è bene avere un k-way nello zaino

Info e prenotazioni entro le ore 12 del 13 novembre : Maria 3492303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it

Costo: 15 euro


Venerdì 13 novembre: Bagno di bosco nella faggeta di Miemo
Grazie alla collaborazione con Maria Odilia Consiglio (Guida Ambientale Escursionista GAE), realizzeremo un primo Bagno di Bosco in un luogo raro e dall'atmosfera magica: la Faggeta di Miemo.
I Faggi sono creature esigenti, e non è comune trovarne alle nostre quote. Non solo: amano creare comunità, e per le loro caratteristiche generano boschi molto particolari, che da sempre hanno ispirato gli esseri umani, i saggi e i mistici di ogni tempo.
Qui, il Bagno di Bosco potrà risuonare di gesti e memorie antiche, risvegliando il nostro cuore ancestrale.
Ci dedicheremo a questa pratica rituale sperimentandone il piacere e i benefici, e condividendoli con tutte le creature che ci accompagneranno.
Apriremo i nostri canali sensoriali e conosceremo alcuni aspetti della vita nascosta degli Alberi, accolti e accompagnati da questo piccolo angolo fatato creato dai Faggi.
Saranno fornite le informazioni di base per praticare anche in autonomia.
Dal punto di vista della Medicina Forestale, il Faggio è un Albero prezioso, poiché produce e diffonde nell'ambiente con continuità molteplici sostanze benefiche, utilizzate anche in fitoterapia, che scopriremo durante questa immersione.
Dal punto di vista energetico le sue frequenze sono armonizzanti, capaci di sollecitare serenità, equilibrio, quiete e centratura.
Nella tradizione delle Driadi il Faggio insegna la "Premurosa Saggezza", che non biasima, né assolve né giudica, ma partecipa senza lasciarsi sopraffare, e genera nuova vita per sé e per gli altri.
Un insegnamento prezioso in questo periodo di grande confusione e turbamento.
Semplici esercizi di respirazione e meditazione guidata scioglieranno stress e tensioni, accompagnando apertura, rigenerazione e flessibilità.
Cosa portare: vestiti a strati e scarpe comode; una giacca a vento con cappuccio; acqua; frutta fresca e/o frutta a guscio per uno spuntino; una coperta o un telo spesso, per sedersi e sdraiarsi.
La propria mascherina.
Sarà vantaggioso non utilizzare profumi nè deodoranti in questa occasione.
Percorso con lievi pendenze, sentiero a tratti poco agevole.
Ritrovo: 8.45 alla Miniera di Montecatini Val di Cecina.
Costi: Euro 8,00/persona per conduzione GAE + Offerta Libera per conduzione Forest Bathing.
Posti limitati.
Info e prenotazioni:
349 230 3093 (Maria)
349 5508509 (Primiana)

11 novembre: Mini camminata dalle 13 alle 15 Tra Casagiustri e il Fiorino

 

Un anello nel bosco di Casagiustri e nella vallata del Rio, sono due ore di camminata che vogliono sfruttare le ore più calde della giornata e, magari il poco tempo di pausa che molti hanno a cavallo dell’ora di pranzo.

 

Consiglio di non mangiare pesante, visto che dovremo camminare subito dopo pranzo.

 

Equipaggiamento: Indossare scarpe da trekking, abbigliamento a strati, dell’acqua.

 

Ritrovo a Casagiustri alle 13.00 davanti al “Casone” bar-ristorante; conclusione per le 15.00 circa

 

Info e prenotazioni: entro le ore 16.00 del 10 novembre per mail o telefono mariaodiliaconsiglio@yahoo.it 349 2303093.

 

Costo € 8,00, minimo 5 persone


Martedì 10 novembre: Intorno a La Sassa: boschi e campagna incantati

 

 

Partendo dal borgo della Sassa attraverseremo il bosco dove, secondo antiche leggende c’è stato il ritrovamento di una statua del redentore che oggi si trova in una chiesetta in paese ed anche, andando indietro agli albori del cristianesimo, un incontro tra San Pietro in fuga dai suoi persecutori e il Cristo Redentore; a memoria di questo incontro rimane un’impronta su un sasso ai margini del sentiero nei pressi del botro della Canonica che però io non ho identificato. Comunque sia, faremo un anello dal paese tra poderi e campagne in direzione di caselli ed un altro nel bosco.

 

Note tecniche: 11 km percorso di difficoltà media;

 

Equipaggiamento: scarponi da trekking, bastoncini consigliati, abbigliamento a strati, acqua e merenda

 

Info e prenotazioni entro lunedì 9 novembre alle 16 Maria 349 2303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it

 

Ritrovo al Big Roof alle 8.30, rientro per le 13 circa

 

Costo 10 euro

 


Domenica 8 novembre: Tra le bellissime ville e tenute di Volterra:  Ulignano, Sensano, Palagione e Pignano

 

 

 

Meraviglioso itinerario, per chi vuole rimanere estasiato della campagna volterrana anche in questa stagione.

 

Partiremo nei pressi della Villa Palagione ai piedi del Monte Voltraio dove saliremo a cercare i ruderi del castello conosciuto già prima dell’anno 1000, la vista è strepitosa, vastissima. Riprenderemo quindi il percorso su strada sterrata in direzione di Pignano. Bellissimo il percorso tra piante secolari di querce e lecci, saliscendi continui poco impegnativi, si arriva fino al borgo di Pignano che si innalza tra le sorgenti dell’Era Viva; oltre alla bellezza della villa, ci sono anche i resti di una bellissima porta, le mura castellane e la Pieve del XII sec. Suggestivo anche il Borgo di Sensano, circondato da boschi ed oliveti, un complesso del XVIII sec. composto da una Villa e da un maestoso parco a 3 livelli. Ulignano infine è la villa che acquisto lo sceneggiatore e regista Franco Cristaldi quando era sposato con la famosa attrice Claudia Cardinale. Ancora oggi a Volterra la Villa di Ulignano é ricordata per il passaggio e la frequente presenza dell’attrice e di moltissime personalità del mondo dello spettacolo.

 

 

 

Note tecniche: percorso di 20 km di media difficoltà perché ci sono alcuni tratti fangosi e quindi impegnativi, oltre a dislivelli da affrontare; buona parte del percorso è su strade sterrate; il percorso può subire modifiche in base alla caccia.

 

Equipaggiamento: Indossare scarpe da trekking alte, potremo trovare fango; merenda e pranzo al sacco; acqua almeno un litro a testa, ne troveremo sul percorso;  valutare se portare un cambio; consiglio di portare un k-way, bastoncini e macchina fotografica

 

Ritrovo a Volterra nel parcheggio nei pressi della stazione degli autobus (ex stazione ferroviaria) https://goo.gl/maps/fsABonBVY1Gz7RHn8 alle 9.00; da qui raggiungeremo insieme il punto di inizio del percorso che dista circa 10 minuti di auto.

 

Per info e prenotazioni: prenotazione obbligatoria entro le ore 17.00 di venerdì 6 novembre; minimo 8 persone. Maria 349 2303093; mariaodiliaconsiglio@yahoo.it

 

Costo 15 euro

 


Sabato 7 novembre: Il bosco di Berignone Tatti

 

 

Il complesso forestale di Berignone-Tatti è un’area protetta sinonimo di boscaglie sterminate e macchie intricatissime popolate da una fauna ricca e differenziata, di duro lavoro di boscaioli e carbonai, di un ambiente naturale, cioè rude, selvaggio, intatto. Utilizzato soprattutto in passato come enorme riserva di legname combustibile per alimentare le caldaie di evaporazione delle saline volterrane. 
Il percorso che dalla sbarra nei pressi del Pino si snoda fino a M.Soldano permette di attraversare il complesso e di apprezzarne tutte le varie specificità vegetazionali. Nell'area del M.Soldano, dopo aver visitato un impianto di abeti, si percorre il sentiero didattico della Venella che consente di approfondire il tema dello sfruttamento del bosco (è ricostruita una carbonaia e una capanna di boscaioli). Dalla Fonte della Venella l'itinerario prosegue in direzione di Tatti, un’area caratterizzata dalla rara presenza di un bosco di alto fusto di rovere. 

 

Per vedere delle foto dell'evento  https://www.odiapiedi.com/galleria/val-di-cecina/mazzolla-berignone-tatti-ottobre-2018/

 

Note tecniche: percorso medio facile, lunghezza 12 km, dislivello 250m

 

Equipaggiamento: scarpe da trekking alte, merenda, acqua, consiglio di avere nello zaino anche una mantella o qualcosa di più pesante da indossare all’occorrenza, torcia.

 

Ritrovo alle ore 8.30 a Casino di Terra davanti al Big Roof oppure alle 9.15 al parcheggio di Mazzolla da dove si prosegue in auto ancora per 10 minuti.

 

Prenotazione entro le ore 12 di venerdì 6 novembre.

 

Costo: 10 €

 


Martedì 3 novembre: Le crete della Val di Fine tra Pieve di Santa Luce e Orciano

 

 

Belle colline che non hanno nulla da invidiare a quelle della Val d’Orcia, approfittiamone quindi per camminare lungo le serpeggianti strade che le attraversano. Si toccano poderi, isolati cipressi, vigne sperdute tra le colline arate, lo sguardo sazio di piacevole armonia.

 

Note tecniche: percorso facile di 15 km lungo strade bianche

 

Equipaggiamento: Acqua, pranzo al sacco, cappello e macchina fotografica, scarpe con suola scolpita raccomandate.

 

Ritrovo alle 9.00 a Pieve di Santa Luce, oppure alle 8.30 alla Dolce Vita. Rientro previsto per le ore 15,00

 

Info e prenotazioni entro le ore 12 di lunedì 2 novembre per mail, sms o telefono a 349 2303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it

 

Costo: 12 euro

 



Venerdì 30 ottobre: Anello di San Michele alle Formiche, la cascata della campana, Montecerboli, il torrente Radicagnoli

 

 

Alla scoperta delle terme nascoste del Bagno di San Michele alle Formiche dove è ancora presente una vasca coperta di acqua termale e l’edificio albergo con il bellissimo ponte coperto per il passaggio dei bagnanti; il percorso ci consente di vedere la bella cascata della campana e di arrivare fino ai resti dell'eremo di San Michele alle Formiche da dove si gode di un bellissimo panorama che domina la Valle del Diavolo e che si spinge ben più lontano. Inaspettato capatina nel paese di Montecerboli, grazioso e sorprendente.  Da qui un’insolita vista dell’area geotermica di Larderello, non più la valla infernale descritta da Dante Alighieri ma una moderna foresta di tubi serpeggianti.

 

Per vedere foto dell’evento: www.odiapiedi.com/galleria/val-di-cecina/san-michele-alle-formiche-sasso-pisano-agosto-2018/

 

Equipaggiamento: Indossare scarpe da trekking, portare acqua ed una merenda.

 

Note tecniche: 11 km, 360m di dislivello

 

Ritrovo alle ore 8.15 a Casino di Terra, spostamento in auto di 40 minuti fino a Montecerboli

 

Costo 10 euro

 

Info e Prenotazioni: entro giovedì 29 ottobre alle 12.00 per mail, sms o telefono: Maria Consiglio 349 2303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it

 


Martedi 20 ottobre: Tra Montefoscoli, il Tempio di Minerva Medica e Villa Saletta a Palaia

 

 

Il castello di Montefoscoli è posizionato in cima alla collina da dove partiremo per il nostro itinerario tra i poggi e i borghi di questa parte della Val d’Era. Passando dagli ipogei della Fratta scenderemo sul torrente Roglio per poi risalire a Villa Saletta, borgo agricolo abbandonato negli anni ‘90 dall’ incredibile fascino.

 

Da Villa Saletta raggiungeremo Partino per poi scendere nella vallata del Rio Tosola e risalire sul crinale opposto dove troveremo l’inaspettata architettura neoclassica del tempio di Minerva Medica eretto intorno al 1822 per volontà di Andrea Vaccà Berlinghieri, medico e luminare dell'Università di Pisa che lo dedica al padre anch’esso medico celebrandone la professione con una dedica alla dea della medicina Minerva. Il tempio è un luogo che ci racconta la storia della massoneria attraverso una serie di aneddoti storico-politici relativi a un’Italia pre-unitaria.

 

 

Note tecniche: lunghezza di 15 km; difficoltà medio-facile; prevalentemente su strade sterrate che potrebbero essere comunque fangose se ha piovuto nei giorni precedenti, alcuni attraversamenti nei campi, brevi tratti di asfalto; conclusione per le 14.30 circa.

 

 

Equipaggiamento: scarpe da trekking, merenda, pranzo al sacco, acqua

 

Ritrovo alle ore 8.15 a Casino di Terra davanti al Big Roof oppure a Montefoscoli davanti alla chiesa di Santa Maria Assunta alle ore 9.00

 

 

Info e Prenotazioni: entro le ore 16 di lunedì 19 ottobre per mail, sms o telefono: Maria Consiglio 349 2303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it

 

 

Costo: 12 € adulti, gratuito sotto i 12 anni

 


Domenica 18 ottobre: L’anello di Brolio in Chianti

 

 

Bisogna che guardiate la galleria di questo percorso, per me tra i più belli itinerari del Chianti: https://www.odiapiedi.com/galleria/chianti/trekking-un-chianti-d-autunno-monti-brolio-cacchiano-ottobre-2018/

 

E’ un itinerario molto panoramico; da Monti in Chianti attraverso boschi alternati a vigneti e uliveti e passando anche dalla splendida quercia del film “Io ballo da sola”, si arriva al borgo di San Felice, con l’omonima pieve e l’azienda agricola. Una panoramica traversata ci conduce quindi al Castello di Brolio, che domina da più di un millennio le vallate che lo circondano nella parte meridionale del Chianti Classico, al centro di vasti vigneti, dai quali sin dal 1141 i baroni Ricasoli traggono il loro famoso Chianti Classico, posto ad invecchiare nelle cantine sottostanti l’antico maniero. Con biglietto di ingresso è possibile la visita dei giardini che circondano il castello e della Cappella di San Jacopo, con la cripta di famiglia. Stupendo il panorama che dai bastioni spazia su tutto il Chianti Senese fino a Siena, con il Monte Amiata e le Colline Metallifere nello sfondo. Ripreso il cammino si passa dal Castello di Cacchiano, sempre tra le vigne e viste mozzafiato fino a Monti.

 

Note tecniche: percorso medio-facile, 17 km, 600m di dislivello

 

Equipaggiamento: Abbigliamento a strati, cappello, scarpe da trekking, pranzo al sacco, acqua, bastoncini telescopici e macchina fotografica consigliati.

 

Ritrovo a Casino di Terra alle 7.30 oppure a Monti in Chianti al parcheggio del campo sportivo alle 9.10 https://goo.gl/maps/bk8kAg13qvZEAAkE8

 

 Informazioni e prenotazioni entro sabato 10 ottobre alle 12.00 Maria Consiglio 3492303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it

 

Costo 15 euro

 


Sabato 17 ottobre: Vinolonga a Montescudaio in collaborazione con ass. Asprom

 

Siamo nel fine settimana in cui gli anni passati si svolgeva la sagra del vino, quest’anno l’appuntamento è un po' “rivisitato” e la proposta è quella di un’escursione per la campagna che va a toccare le varie vigne del territorio.

 

La tappa principale la faremo alla cantina Fontemorsi dove visiteremo le vigne, degusteremo e pranzeremo.

 

https://www.odiapiedi.com/galleria/colline-di-pisa-e-livorno/montescudaio-i-vigneti-2018/

 

Note tecniche: Facile percorso di 11 km, dislivello in salita di 300m, in discesa 250m. Rientro in paese previsto per le ore 15.00 circa

 

Ritrovo in Via Roma, 55 a Montescudaio davanti alla scuola media alle 9.30

 

Equipaggiamento: acqua, scarpe da trekking, bastoncini da trekking facoltativi, una merenda

 

Info e prenotazioni: entro venerdì 16 ottobre alle 12.00: Maria Consiglio mariaodiliaconsiglio@yahoo.it e 3492303093

 

Escursione gratuita

 


Venerdì 16 ottobre: Tra i vigneti della Val d’Era

 

 

Le colline vitate della Val d’Era per chi non le conoscesse sono un piacere per gli occhi e, in un periodo di vendemmia, anche per l’olfatto. Le strade o i sentieri che percorreremo ci porteranno ad approdare anche nelle cantine e ad odorare il mosto. Non vi dico dove perché in tempi di vendemmia sono tutti molto impegnati, ma proverò a cercare il modo di entrare in qualche spazio vinoso. Per queste vallate che non hanno le rotondità tipiche delle argille del volterrano ma la variabilità e irregolarità che consente a diverse colture di svilupparvisi, faremo la nostra scoperta o per chi c’è già stato approfondiremo la conoscenza della Val d’Era.

 


Note tecniche: Percorso facile di 12 chilometri, con saliscendi per le vallate, per lo più su strade sterrate, brevi tratti su asfalto e sentieri. Il percorso sarà in buona parte una novità

 

 

Equipaggiamento: scarpe da trekking, bastoncini telescopici facoltativi, cappello, un k-way, acqua, una merenda

 

Ritrovo: a Terricciola alle 9.00 nel parcheggio di Via Roma https://goo.gl/maps/5vE21ejwUY9bhsLp8,  conclusione per le 13.30 circa

 

Info e prenotazioni entro le ore 12 di giovedì 15 ottobre: Maria 3492303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it

 

Costo: 12 euro

 


Mercoledì 14 ottobre: Le colline di Vinci, Leonardo ed il suo ingegno ed il leccio monumentale di Faltognano

 

 

 

Vinci è il luogo simbolo della presenza di Leonardo nell’Empolese Valdelsa, le colline del Montalbano che lo contornano, forse meno note, sono ricche e suggestive, dominate dalla coltura dell’olivo e del vino interrotte da piccoli borghi e fattorie, con boschi ombrosi e corsi d’acqua impetuosi, un’incantevole visione.

 

Da Vinci con il famoso castello dei conti Guidi e i due musei leonardiani partiremo per vedere la vallata dei mulini e poi Anchiano, Santa Lucia, Faltognano Mignana, Vitoli ed il famoso leccio bicentenario. A questo link una galleria fotografica:

 

https://www.odiapiedi.com/galleria/colline-tra-firenze-empoli-e-pistoia/vinci-anchiana-santa-lucia-mignana-vitoli-leccio-di-faltognano-dicembre-2019/

 

 

Equipaggiamento: vestirsi a strati, Indossare scarpe da trekking, anche non alte, merenda, acqua, pranzo al sacco, bastoncini telescopici e macchina fotografica facoltativi

 

 

Ritrovo alle 7.45 a Cecina alla Dolce Vita oppure a Vinci alle 9.15 all’antica osteria al Nicchio https://goo.gl/maps/qJvz12fFWdpTMM7r6 , possibilità di parcheggiare gratuitamente un po' dappertutto intorno al paese oppure nel parcheggio del cimitero o del campo sportivo.

 

 

Informazioni e prenotazioni entro martedì 12 ottobre alle 12.00 Maria Consiglio 3492303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it

 

 

Costo 15 euro

 


Domenica 11 ottobre: La Via Francigena da Aulla a Sarzana

 

 

Una bella tappa per riscoprire la Via Francigena attraverso i castelli e le fortezze sui colli della Lunigiana. Borghi medievali dalle lunghe tradizioni, ricchi di testimonianze storiche e immersi nella natura. Una strada antica piena di fascino e suggestione.

 

Dalla basilica di san Caprasio ad Aulla, la città alla confluenza tra i fiumi Magra e Aulella che nel Medioevo era un piccolo borgo a difesa di ponti e strade che portavano nella Lucchesia, in Liguria, verso la Cisa, quando la Francigena era  strada commerciale e di pellegrinaggio, arriviamo alla bella cittadina di Sarzana.

 

La prima parte della tappa si svolge in gran parte su sentiero, la salita è abbstanza impegnativa e molto bella, regalandoci il primo panorama sul mare. Interessanti le atmosfere degli antichi villaggi lungo il cammino come il castello di Bibola e Vecchietto, oltre a Ponzano e ai ruderi del Castello della Brina.

 

Il centro storico di Sarzana merita una visita, soprattutto lungo le vie Bertoloni e Mazzini, tra Porta Parma e Porta Romana, la Pieve di S. Andrea Apostolo e Martire, il più antico edificio della città, la Cattedrale dedicata alla Vergine Assunta con il titolo di "Santa Maria", nel centro del nucleo originale del borgo.

 

Note tecniche: Il percorso è di media difficoltà, in gran parte su sentiero, in alcuni tratti anche ripido, dislivello in salita e discesa di 650m, lunghezza 20 km, circa 5 ore di cammino.

 

 Equipaggiamento: scarpe da trekking, acqua (ne troveremo sul percorso), pranzo al sacco, macchina fotografica; valutare in base al meteo se portare anche un giacchetto o k-way, credenziale del pellegrino, mascherina

 

Ritrovo e logistica: ritrovo alla stazione di Aulla alle 9.00, pronti per la partenza. Altro possibile ritrovo Cecina Dolce Vita alle 7.15, un’ora e mezzo di viaggio. Attenzione! la partenza dalla Basilica di san Caprasio ad Aulla, dove potremo apporre il timbro sulla credenziale è alle ore 9.30; rientro da Sarzana ad Aulla col treno delle 17.56, arrivo ad Aulla alle 18.34, costo 3,60 euro.

 

Info e prenotazioni entro le ore 16 di venerdì 9 ottobre

 

Maria guida 3492303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it

 

Costo: 15 euro, minimo 8 persone

 


Sabato 10 ottobre: Tra il Masso delle Fanciulle ed il selvaggio Pavone

 

 

Il percorso sarà in parte un classico con arrivo al Masso delle Fanciulle che con questa stagione piovosa sarà uno spettacolo ed il Pavone che tra un'entrata (senza immersione) ed un'uscita dall'acqua saprà regalarci scorci belli e appaganti. Non potremo fare la risalita, al momento "non mi sembra il caso" però non rinunceremo alle acque della Val di Cecina che quanto ad interesse naturalistico e bellezza hanno da regalare parecchio in qualsiasi momento dell'anno. Ed allora tra i resti dei mulini e i poderi abbandonati ed i panorami da ogni dove ci stupiremo ad ogni passo.
Note tecniche: Percorso di media difficoltà, senza chiometraggio perchè vedremo al momento cosa si può fare ma una base di una decina di chilometri con dislivello di 300m è certa.
Equipaggiamento: scarpe da trekking alte che potremo bagnare o togliere se necessario; un, asciugamano, un cambio di calze e scarpe, acqua per l'intera giornata (1 litro e mezzo), pranzo al sacco, cappello, mascherina.
Ritrovo alle ore 8.45 a Saline di Volterra al parcheggio all’incrocio subito a sinistra sulla strada per Larderello. Orario di rientro indicativo le 17.00.
Prenotazione entro le ore 12 del 9 ottobre per mail, sms o telefono: Maria 3492303093, mariaodiliaconsiglio@yahoo.it
Costo 15 euro; l'escursione sarà effettuata con un minimo di 8 persone.


Mercoledì 7 ottobre : Il fascino indicibile del deserto di Accona e il Site Transitoire nelle Crete Senesi

 

 

Siamo nel “Deserto di Accona”, questo era un tempo il nome delle Crete nei dintorni di Asciano, una zona brulla fatta piccole valli con qualche boschetto, piccoli laghi riserve di acqua, calanchi, biancane (i piccoli cocuzzoli mammellonari) e colline ondulate con in cima un cipresso o un albero solitario fino o a quando non iniziò la coltivazione intensiva del grano e altri cereali.

 

Qui l’artista francese Jean Paul Philippe nel 1993 realizzò l’opera “Le site transitoire” che porta fascino e magia dove già ce n’è in abbondanza.

 

Arrivare in cima al poggio ed immergersi nella quiete e nella bellezza di questo luogo è un’esperienza indimenticabile.

 

Mi affido, per la descrizione del luogo, alle parole del creatore dell’opera:

 

Qualche anno fa un pensiero ha completamente occupato il mio tempo, realizzare in pietra e mettere in spazio tre posizioni familiari: seduta, alzata, sdraiata...e lasciarle mute o dialogare fra loro nella solitudine e nel silenzio di un luogo naturale. Non avrei mai potuto immaginare che quello che stava per diventare il site transitoire sarebbe stato complice di tanti incontri. Il luogo scelto fu quello: una collina tra Siena e Asciano nel cuore delle Crete senesi, tra Leonina e Mucigliani. Compiendo quel gesto, installando quelle pietre mi resi conto che disegnavano nella luce e nello spazio i limiti di una casa. Una dimora senza mura dalla soglia invisibile. A terra alcune lastre, una sedia per accogliere il passante, un banco, una finestra e per tetto la volta celeste. L'ombra di questo mobilio di pietra tracciava al suolo la sua passeggiata grazie alle apparizioni della Luna e del Sole. Nel solstizio d'estate è nell'appiombo della finestra che il disco solare sparisce, mentre brillano la prima stella e le luci di Siena.

 

Per un appassionato fotografo o anche per un “semplice” fotografo o anche per chi vuole immortalare solo con gli occhi, l percorso offre l'imbarazzo della scelta: chesi tratti delle biancane, dei poderi, di Siena in lontananza o dei laghetti contornati dalle greggi.

 

Note tecniche: percorso di 20 km di media difficoltà, non per il dislivello ma per la possibilità di trovare fango sul percorso, questo dipende da come è stato il meteo nei giorni precedenti; la lunghezza varierà in base alla nostra tempistica e alla possibilità o meno di avventurarsi tra le biancane.

 

Equipaggiamento: scarpe da trekking, pantaloni lunghi o allungabili all’occorrenza, acqua abbondante perché se è una bella giornata è caldo e non si trova acqua, pranzo al sacco, macchina fotografica; valutare in base al meteo se portare anche un giacchetto o k-way, mascherina

 

Ritrovo: a Casino di Terra al big Roof alle 8.00, spostamento in auto di 1 ora e 45, oppure sulla sp438 incrocio Leonina ad Arbia https://goo.gl/maps/pnhoKePv6wMY4eau5.

 

Info e prenotazioni entro le ore 16 di martedì 6 ottobre:

 

Maria guida 3492303093 e mariaodiliaconsiglio@yahoo.it

 

Costo: 15 euro, minimo 8 persone